Categorie
Articoli

Covid Manager: una nuova figura professionale

Ecco spuntare proprio nelle ultimissime settimane una nuova figura di dirigenza, il cosiddetto Covid Manager, che nasce dall’esigenza di adottare e far rispettare ogni misura di sicurezza d’emergenza Coronavirus, in previsione della ripartenza delle attività produttive italiane.

Cosa è il Covid Manager

Non è stata una scelta singolare, ma sempre più persone hanno dichiarato di avere la necessità dell’introduzione di questa figura all’interno delle numerose aziende in “quasi” riapertura, a partire dalla Fase 2. Questo è quello che si legge sui social e su vari gruppi di discussione: “è necessario un punto di riferimento interno alle fabbriche, impianti e stabilimenti per garantire la sicurezza sanitaria e promuovere le misure precauzionali necessarie per impedire la diffusione del contagio negli ambienti di lavoro.

E proprio per questo motivo che viene a crearsi la figura del Covid Manager e la sperimentazione parte dalla regione Veneta che ha individuato in questa nuova “professione”, l’assistenza ad esercenti e clienti nello svolgimento delle attività, sempre tenendo conto delle misure precauzionali di base: distanza, mascherina e guanti.

Potrebbe interessarti “Riapri la tua attività grazie ad “ENTRA SICURO

Quindi, è proprio il Veneto che avvia la figura del Covid Manager all’interno di circa una ventina di aziende che comprendono 3000 lavoratori; il tutto sulla base di un progetto realizzato dalla stessa Regione in collaborazione con la Direzione della Prevenzione, la Direzione ICT e l’Agenda Digitale, oltre alla marcata presenza dell’Azienda Sanitaria Zero.

Il progetto

Il progetto presentato alle parti, dall’assessore alla Sanità Manuela Lanzarin, è avvenuto in videoconferenza e presenta tre obiettivi principali:

  1. La definizione di linee guida per la prevenzione e la garanzia della salute pubblica tramite un Manuale di Riapertura;
  2. L’acquisizione di evidenze scientifiche tramite un Progetto Pilota per circa 20 aziende;
  3. Il supporto delle aziende nella fase 2 della ripresa.

Lo stesso assessore alla sanità del Veneto, Lanzarin, ha spiegato che “è un piano che aggiorneremo in corso d’opera, mano a mano che emergeranno nuove necessità e il progetto sperimentale darà le sue indicazioni. In questo  c’è elasticità, perché una prevenzione sanitaria efficace come quella veneta non sta a guardare, ma monitora giorno per giorno le situazioni e adegua di conseguenza le sue azioni”.

Il manuale di Riapertura

Il manuale di Riapertura, a sua volta, prevede altri obiettivi esplicati in 3 fasi:

  1. l’individuazione di un Covid Manager all’interno delle aziende come figura di riferimento del processo in atto;
  2. la definizione di un piano aziendale di tutti i rischi possibili e probabili derivante dal Codiv19;
  3. la realizzazione e l’applicazione rigorosa di indicazioni operative che verranno attuate all’interno delle aziende, che prevedono sanificazione e igienizzazione degli ambienti lavorativi, la rilevazione della temperatura corporea di clienti, fornitori e lavoratori.

Ovviamente, senza nulla togliere alle misure precauzionali di base, ovvero l’obbligo di indossare guanti e mascherine, l’igiene delle mani e delle secrezioni respiratorie, il mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro (criterio di distanza droplet) negli ambienti comuni e alle proprie postazioni di lavoro.

Noi di Inveneta, con Inveneta Tech abbiamo realizzato un progetto per la tecnologia di check-in al tempo del COVID19 per risolvere il problema della tracciabilità della temperatura all’ingresso di uffici e aziende. Scoprilo subito qui!