Categorie
telelavoro

Zoom e Videochiamate ai tempi del Covid19

Con milioni di persone costrette a rimanere a casa per aiutare a fermare la diffusione del COVID-19, molti hanno trovato modi creativi per rimanere virtualmente a contatto con happy hour, serate di trivia e feste di compleanno. E Zoom, una delle decine di servizi di videoconferenza, è salito ai vertici, grazie ad intense misure di restrizione e ad una profonda risonanza all’interno di questa nuova cultura del distanziamento sociale.

I download giornalieri dell’app Zoom sono aumentati di 30 volte rispetto all’anno scorsp e l’applicazione è stata la migliore app gratuita nel mondo dal 18 marzo, secondo Bernstein Research e Apptopia. Zoom ha affermato che gli utenti giornalieri sono saliti a circa 200 milioni a marzo, rispetto ai 10 milioni di dicembre.

Purtroppo, però anche Zoom ha sollevato dei piccoli problemi; questi relativi alla privacy sono aumentati intorno a Zoom, incluso il cosiddetto ” Zoombombing ” , in cui un utente malintenzionato potrebbe unirsi ad una riunione su Zoom e mostrare immagini esplicite o di disturbo. Il CEO Eric Yuan si è scusato giovedì scorso per i problemi di sicurezza e ha illustrato cosa sta facendo la società per risolvere tali problemi.

Ma da dove viene Zoom?

Zoom Video Communications è una società di videoconferenza di San Jose, in California, messa sotto i riflettori la scorsa settimana. Nell’ultimo mese questa app è diventata il miglior download gratuito in ogni App Store.

Solo nell’ultima settimana quasi 600.000 persone hanno scaricato l’app, un successo senza eguali, secondo Apptopia, che tiene traccia di ogni download di app mobili, tanto che le azioni di Zoom sono aumentate a vista d’occhio, rivalutando la compagnia a circa 29 miliardi, più delle compagnie aeree come Delta, American Airlines o United Airlines.

Zoom non era affatto preparato a questo momento pandemico, in cui ogni barriera restrittiva è stata valicata dalle videochiamate. Inizialmente, infatti, la principale base degli utilizzatori di Zoom erano dipendenti lavorativi con sessioni di formazione gratuite. Ma nessuna pianificazione avrebbe potuto prevedere l’emergere dell’azienda come fenomeno culturale utilizzato per ospitare feste, concerti, servizi religiosi e mostre d’arte.

Zoom vs Skype e co.

Perché Zoom? Perché non Skype, che esiste già dal 2003? O Google Hangouts o Facebook Messenger o Apple FaceTime? Che molto di recente hanno avuto una grossa spinta?

Zoom era già presente in molti college e scuole che lo utilizzavano già da prima di questo periodo. Lo scopo di questa applicazione è quello di consentire di parlare facilmente con più persone contemporaneamente, oltre ad avere alcune funzionalità che rispecchiano le funzioni dei social media. Un pulsante chiamato Touch Up My Appearance mette a fuoco il display del video, levigando la la tonalità della pelle del presentatore come un filtro Instagram. Gli sfondi personalizzati possono nascondere camere da letto disordinate e così via…

Inoltre, tanti utenti hanno scelto Zoom perché funziona. Paul Condra, analista tecnologico di PitchBook, afferma che l’affidabilità e la semplicità di Zoom lo hanno reso il migliore software di videoconferenza.

Zoom e Sicurezza

Purtroppo, però, non tutto ciò che è oro luccica e, ultimamente, si sta indagando sulle pratiche di privacy e sicurezza dell’azienda stessa.
Yuan, CEO dell’applicazione, ha promesso questa settimana di rafforzare la sicurezza dei dati e si è scusato.

Riconosciamo di non essere all’altezza delle aspettative della nostra comunità e della nostra privacy“, ha dichiarato Yuan in un messaggio pubblicato online. “Zoom è stato progettato principalmente per l’utilizzo da parte di grandi aziende con i propri team tecnici per fornire supporto e protezione“.

Non abbiamo progettato il prodotto con la previsione che, nel giro di poche settimane, ogni persona al mondo avrebbe improvvisamente lavorato, studiato e socializzato da casa“, ha affermato Yuan. “Questi nuovi casi d’uso per lo più da parte dei consumatori ci hanno aiutato a scoprire problemi imprevisti con la nostra piattaforma“.

Per questo ci raccomandiamo di utilizzare qualsiasi piattaforma di videoconferenza, con criterio!

Se vuoi maggiori informazioni, non esitare a contattarci! Scrivici pure qui.

Categorie
telelavoro

Coronavirus e Disoccupazione: l’invenzione del lavoro

In questo momento Coronavirus e Disoccupazione stanno prendendo il sopravvento; l’emergenza sanitaria COVID-19 sta costringendo innumerevoli lavoratori in tutto il Paese alla disoccupazione totale o parziale. I più colpiti sono i dipendenti nei settori della vendita al dettaglio e dei servizi, i lavori che offrono già bassi salari e pochi benefici. E il peggio deve ancora arrivare: quasi 80 milioni di posti di lavoro sono a rischio a causa del coronavirus, secondo alcune stime. 

Queste perdite di posti di lavoro presto rimbalzeranno in tutta l’economia, colpendo milioni di famiglie. Il modo più semplice e intelligente per aiutare i lavoratori licenziati è aumentare l’attuale programma di indennità di disoccupazione, ma poiché il coronavirus (COVID-19) è stato dichiarato una pandemia, le aziende di tutto il mondo hanno chiuso i loro uffici e hanno trasferito i loro dipendenti al lavoro remoto. Mentre i dipendenti occupati, sono ancora in grado di svolgere le proprie mansioni nei loro uffici domestici, un aspetto positivo che potrebbe derivare dal mondo del lavoro odierno, come conseguenza del COVID-19, è proprio il lavoro da remoto o telelavoro che sta avendo successo su larga scala.

Assistenza virtuale

Con così tante aziende che operano principalmente, o addirittura completamente, online, non c’è da meravigliarsi che molte persone assumano assistenti virtuali per aiutarle ad organizzare e completare le attività amministrative. Secondo alcune statistiche, questi lavoratori sono “appaltatori indipendenti che (da una postazione remota, solitamente la propria casa) supportano più clienti in una varietà di settori fornendo servizi amministrativi, creativi e tecnici.

Traduzioni online

La maggior parte dei traduttori svolge il proprio lavoro direttamente da casa e spesso con scadenze. Sebbene alcuni necessitino di una laurea, il requisito più importante per i traduttori è, ovviamente, la padronanza di almeno due lingue. Come si osserva, circa il 22% dei traduttori era autonomo già dal lontano 2016. La maggior parte era diffusa tra questi settori: servizi professionali, scientifici e tecnici (30%); servizi educativi statali, locali e privati ​​(23%); ospedali (8%); e governo (6%).

Sviluppatori web e settore della comunicazione

È abbastanza facile costruire il tuo sito Web se approfitti delle numerose opportunità di apprendimento gratuite online. Tuttavia, gran parte della popolazione non è attrezzata per costruire il proprio sito o non ha il tempo, motivo per cui così tante persone si guadagnano da vivere costruendo siti Web, blog ed eCommerce per gli altri. Secondo le statistiche, circa il 16% di chi lavora nella comunicazione web, è attivo già dal 2013, con la stragrande maggioranza che è in grado di lavorare da casa o ovunque con l’ausilio di un laptop e una connessione Internet veloce.

Scrittore freelance

Più che mai, gli scrittori sono necessari per formulare articoli, notizie, informazioni, creare contenuti ed elaborare idee creative che riempiono le pagine di quasi tutti i siti su Internet. E sebbene molti siti più grandi abbiano scrittori interni, un numero crescente di siti esternalizza il proprio contenuto ed assume scrittori freelance. L’esperienza di scrittura è molto utile, ma ciò di cui hai veramente bisogno per iniziare sono la spinta, l’ambizione e la capacità di trovare un punto di vista unico sugli eventi che accadono ogni giorno.

Come puoi vedere, il mondo del lavoro sta subendo una svolta dal punto di vista professionalizzante: Coronavirus e disoccupazione sono all’ordine del giorno; per cui il telelavoro o lavoro da remoto è in salita vertiginosa e può farti guadagnare qualcosina stando da casa. Se vuoi maggiori informazioni, non esitare a contattarci! Scrivici pure qui.

Categorie
Marketing telelavoro

Marketing e Corona Virus: il telelavoro in questo periodo

Telelavoro, Marketing e Coronavirus: immagina che il tuo datore di lavoro ti chieda di lavorare da casa fino a nuovo avviso, cosa che sta succedendo nella maggior parte degli uffici. Purtroppo, mentre il COVID-19 continua a diffondersi, questo è uno scenario sempre più utilizzato. Infatti, tutti coloro che possono lavorare da casa dovrebbero lavorare da casa, a detta delle ultime regolamentazioni.

In Cina e nei paesi vicini, milioni di persone lo stanno facendo per la prima volta. Negli Stati Uniti, molte aziende hanno già preparato il personale a lavorare in remoto: Twitter, Apple, Microsoft, Amazon e così via.

La scorsa settimana a Dublino, Google ha inviato a casa 8.000 lavoratori per un giorno per provare uno scenario di lavoro a distanza esteso, dopo che un dipendente ha accusato sintomi simil-influenzali. In Australia, Cisco e Vodafone hanno temporaneamente chiuso gli uffici la scorsa settimana come misura precauzionale.

Insomma, tutto il mondo si sta preparando a gestire il telelavoro per via di una emergenza globale. Ma cosa ne sarà del buon vecchio marketing d’ufficio?

Quanto è comune lavorare da casa?

Forse non così raro come potresti pensare.

In molte aziende ci sono accordi di lavoro flessibili, ma ciò non significa necessariamente che i dipendenti possano lavorare da casa. Anche quelli a cui è permesso lavorare da casa possono essere autorizzati a farlo solo su base limitata. Ma oggi, questa emergenza, ha aperto nuove frontiere al telelavoro: con l’aumento dei tempi di pendolarismo, la cura delle responsabilità e lo stress dei luoghi di lavoro moderni, la ricerca afferma che la maggior parte dei dipendenti apprezzano molto la possibilità di lavorare da casa.

La ricerca ha anche messo in evidenza vantaggi tra cui l’aumento della produttività, valutato sia dai dipendenti che dai supervisori. Uno studio ha mostrato un aumento del 13% delle prestazioni per i dipendenti che lavorano da casa.

Lavorare da casa di solito significa che i dipendenti hanno una maggiore autonomia su come svolgono il loro lavoro, compresi gli orari e le condizioni del loro lavoro, e su come gestiscono la loro vita e altre responsabilità. Questi benefici del telelavoro hanno dimostrato di portare a una maggiore soddisfazione sul lavoro, un minore assenteismo e turnover, un maggiore impegno per l’organizzazione e, soprattutto, una riduzione di contatti fisici, in questo  momento così delicato, da non sottovalutare.

Come possiamo farlo funzionare?

Le organizzazioni possono aumentare il successo del lavoro da casa. La comunicazione regolare, in particolare l’uso della videoconferenza, può aiutare a garantire il coordinamento delle attività, il trasferimento delle conoscenze e la riduzione dell’isolamento sociale e professionale.

Infine, i dipendenti devono stabilire i confini tra lavoro e vita domestica. Essere in grado di suddividere queste sfere alla fine della giornata è importante sia per la salute fisica che mentale.

Purtroppo, non si sa ancora quando il COVID-19 sparirà dalla circolazione (speriamo molto presto), per cui molte aziende stanno sviluppando e implementando politiche di lavoro da casa per garantire la continuità aziendale. Se dipendenti e datori di lavoro riescono a trovare l’equilibrio e a beneficiare dei vantaggi di un telelavoro ben pianificato, questo focolaio di coronavirus potrebbe rivelarsi il punto di svolta per gli accordi di lavoro a distanza, che potrebbero divenire di prassi.

Ti piacerebbe avere una consulenza gratuita dallo staff di Inveneta? Scrivici pure qui.